Le aree protette del Trentino

Rete Natura 2000, parchi & riserve naturali

Normativa

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TRENTO 23 ottobre 1987, n. 11175

lndividuazione del biotopo di interesse provinciale denominato "Lago Pudro" al sensi dell’art. 5 della legge provinciale 23 giugno 1986, n. 14 - "Norme per la salvaguardia del biotopi di rilevante interesse ambientale, culturale e scientifico"

Omissis

LA GIUNTA PROVINCIALE

Omissis

delibera

Art. 1

Ai sensi della legge provinciale 23 giugno 1986, n. 14, sono sottoposte a vincolo di biotopo, le pp.ff. nel C.C. di Vigalzano:

- Comune catastale di Vigalzano: 1935*, 1935/2*, 1936, 1937/1, 1937/2, 1937/3, 1938/1, 1938/2, 1939/1, 1939/2, 1939/3, 1939/4, 1940/1, 1940/2 , 1941/2*, 1941/3*, 1941/4*, 1942*, 2094/2*, 2094/3*, 2096/1, 2096/2, 2096/3, 2097/1, 2097/2, 2097/3*, 2097/4*, 2097/10*, 2097/11*, 2097/12, 2097/13, 2097/15*, 2097/19*, 2101*, 2104, 2105/1, 2105/2, 2106/1, 2106/2, 2107, 2108, 2109, 2110, 2111, 2112, 2113/1, 2113/2, 2114/1, 2114/2, 2115/1, 2115/2, 5 2116/2*, 2116/3, 2121/1, 2121/2, 2121/3, 2122/1* 2122/2*, 2122/3*, 2125*, 2126, 2127/1, 2127/2, 2127/3, 2127/4, 2128*, 2129*, 2130, 2131, 2132, 2133/1*, 2133/2, 2340/3, 2340/4, 2340/5, 2340/6, 2340/7, 2341/1, 2341/2, 2342, 2343/1, 2343/2, 2344, 2345, 2346, 2347, 2348/1, 2348/2, 2349/1, 2349/2, 2350, 2351, 2357/1*, 2357/2*, 2360/1, 2360/2, 2363*, 2364*, 2366/1, 2366/2, 2367/1, 2367/2, 2368, 2369/1, 2369/2, 2369/3, 2369/4, 2369/5, 2369/6, 2372/1, 2372/2, 2373/1, 2373/2, 2374, 2375, 2376, 2377/1, 2377/2, 2378/1, 2378/2, 2379, 2380, 2381, 2382, 2383, 2384*, 3247*, 3428*.

(*) particelle parzialmente incluse nel biotopo.

Art. 2

Al fine di evitare l'alterazione, diretta o indiretta, degli elementi che compongono il biotopo del "Lago Pudro", sono definiti i relativi vincoli di tutela che comportano necessariamente:

a) il divieto di modificare o alterare in alcun modo gli elementi che compongono il biotopo;

b) il divieto di depositare rifiuti o materiali di qualsiasi genere, di alterare o modificare la vegetazione naturale, e di operare scavi, opere di bonifica o prosciugamento del terreno;

c) il divieto di coltivare cave e torbiere e la revoca di diritto delle autorizzazioni a tal fine eventualmente già concesse, salvo che per motivi di conservazione e ripristino del biotopo.

In particolare è vietato:

- effettuare costruzioni di qualsiasi tipo, anche se di carattere provvisorio, o depositare, anche provvisoriamente, prefabbricati; saranno ammesse solo costruzioni di modesta entità per la fruizione culturale e scientifica del biotopo;

- danneggiare, estirpare, tagliare ed asportare piante di qualsiasi specie, salvo per motivi scientifici, di gestione e conservazione del biotopo, e previa autorizzazione del Servizio Parchi e Foreste Demaniali, a cui compete la trattazione degli affari concernenti l'applicazione della legge provinciale 14/1986;

- effettuare l'immissione o il prelievo di qualsiasi specie animale, salvo che per i motivi di cui sopra;

- cacciare e pescare all'interno del biotopo, nonché abbattere, catturare, ferire o disturbare gli animali selvatici;

- immettere acque di rifiuto o che comunque possano alterare le caratteristiche peculiari del biotopo stesso;

- usare pesticidi ed erbicidi di qualsiasi classe di tossicità;

- l'attraversamento della zona mediante elettrodotti aerei e linee per il servizio telefonico;

- il sorvolo a bassa quota del biotopo con aerei od elicotteri;

- provocare rumori molesti e circolare con veicoli a motore di qualsiasi specie; - la balneazione e l'uso di natanti, salvo che per motivi scientifici, di gestione e conservazione del biotopo; - raccogliere e danneggiare funghi ed altri prodotti del sottobosco; - campeggiate, accendere fuochi, lasciar vagare cani od altri animali domestici;

- entrare nella zona protetta al di fuori dei sentieri segnati, ad eccezione del proprietario, usufruttuario, affittuario o possessore di altro titolo ed alle persone che espletano attività scientifica, di sorveglianza e gestione.

Sono ammessi unicamente tutti quegli interventi necessari alla conservazione ed al ripristino del biotopo, sulla base di uno specifico piano di cui all'art. 4.

Art. 3

La relazione naturalistica, la mappa catastale e gli elaborati cartografici costituiscono parte integrante della presente delibera.

Art. 4

Il Servizio Parchi e Foreste Demaniali, al quale compete la trattazione degli affari concernenti l'applicazione della legge provinciale 23 giugno 1986, n. 14, potrà predisporre il necessario piano di ripristino ambientale e di gestione naturalistica.

Il Presidente della Giunta provinciale ANGELI

Il Dirigente: Leonardi