Le aree protette del Trentino

Rete Natura 2000, parchi & riserve naturali

Normativa

Delibera n. 13266 del 1996-10-18 proposta da PALLAORO

Modifica della deliberazione della Giunta Provinciale 5 novembre 1993, n. 15430 "Individuazione del biotopo di interesse provinciale denominato "La Rupe" ai sensi dell'art. 5 della LP 23 giugno 1986, n. 14 e ss.mm. Norme per la salvaguardia dei biotopi di rilevante interesse ambientale, culturale e scientifico". Il Relatore comunica:

Con delibera 5 novembre 1993, n. 15430 la Giunta provinciale ha istituito il biotopo di interesse provinciale n. 36 denominato La Rupe ai sensi della L.P. 23.06.1986, n. 14.

La citata delibera prevede una particolare regolamentazione dell'attività alieutica per la quale la pesca viene consentita esclusivamente lungo due tratti ben individuati della sponda sinistra del Fiume Noce mentre l'immissione e il prelievo di qualsiasi specie animale vengono vietati in tutto il biotopo.

Ciò comporta, conseguentemente, anche l'impossibilità di effettuare prelievi di riproduttori di trota marmorata finalizzati all'ottenimento di avannotti autoctoni, previa incubazione delle uova prelevate, che potrebbero essere utilmente impiegati nella reintroduzione della specie lungo l'asta del Noce e di altri affluenti dell'Adige.

Considerato che il tratto di fiume Noce ricadente nel biotopo La Rupe - sia per le caratteristiche intrinseche di questo ambiente sia per il divieto di pesca in vigore ormai da tre anni - ospita dei riproduttori particolarmente adatti agli scopi di cui sopra, risulterebbe opportuno poterne effettuare il prelievo.

Visto inoltre che il ripopolamento con specie pregiate è da ritenersi un obiettivo importante nella gestione ittica delle acque provinciali e che tra gli scopi di fondo dell'istituzione delle aree protette rientra sicuramente il miglioramento della qualità ambientale anche del territorio ad esse limitrofo.

Considerato, per quanto sopra, che il prelievo dei riproduttori di trota marmorata può essere considerato di per sè un intervento in sintonia con le finalità generali della L.P. 14/86.

Visto anche che lo stesso viene effettuato sotto lo stretto controllo del Servizio Faunistico della Provincia Autonoma di Trento secondo le modalità di cui alla L.P. 60/78 e in un periodo - l'autunno inoltrato - non particolarmente delicato per la biologia delle specie ornitiche che si è inteso tutelare con l'istituzione del biotopo.

Si propone di modificare la delibera sopracitata prevedendo la possibilità di effettuare prelievi dei riproduttori, previa autorizzazione del Servizio Parchi e Foreste Demaniali;

Tutto ciò premesso,

LA GIUNTA PROVINCIALE

- udita la relazione,
- vista la L.P. 23 giugno 1986, n. 14 e s.m.,
- vista la delibera della Giunta Provinciale n. 15430 d.d. 05.11.1993,
- visti gli atti citati in premessa,
- ad unanimità di voti, espressi nelle forme di legge;

delibera

1. di modificare la delibera della Giunta provinciale 5 novembre 1993, n. 15430 consentendo il prelievo dei riproduttori di trota marmorata; il nuovo testo del punto 3. a linea 2 è pertanto il seguente:

è vietato:

- omissis

- esercitare la caccia ed immettere, prelevare o disturbare qualsiasi specie animale, fatto salvo il prelievo dei riproduttori di trota marmorata ai fini di ripopolamento ittico da eseguirsi sotto il controllo e previa autorizzazione rilasciata dal Servizio Faunistico e dal Servizio Parchi e FF.DD., nonchè lasciare vagare cani o altri animali domestici, anche per pastorizia.