Le aree protette del Trentino

Rete Natura 2000, parchi & riserve naturali

Riserve Naturali Provinciali

22. Lago Pudro

Cartina
  • Tipologia: Torbiera, canneto e stagno
  • Nome locale: Lago Pudro
  • Nome topografico: Le Paludi
  • Comune: Pergine Valsugana
  • Comprensorio: C.4 - Alta Valsugana
  • Quota media: m 505
  • Superficie: ha 13 circa
  • Principali motivi di interesse naturalistico: rare specie e associazioni vegetali delle torbiere; fauna (Anfibi e avifauna acquatica)
  • Delibera istitutiva

Particolare del biotopoIl Biotopo "Lago Pudro" è situato in Alta Valsugana, a circa 8 km di distanza da Trento e a 1 km da Pergine Valsugana. E’ costituito da una torbiera che occupa il fondo di una conca separata dal fondovalle perginese solo da un modesto rilievo, il Doss del Zucàr.

Il termine "Lago" che compare nel suo nome indica che questa torbiera era una tempo uno specchio d'acqua lacustre. L’antico bacino ha seguito il naturale corso della vita di ogni lago, "invecchiando" nel corso dei secoli a causa della graduale deposizione di sedimenti sul fondo e della progressiva invasione da parte della vegetazione palustre, fino a trasformarsi in una splendida torbiera. Purtroppo l’evoluzione naturale di questo ambiente è stata bruscamente sconvolta dall’intervento dell’uomo: per molti anni prima dell’istituzione del Biotopo l’attività di estrazione industriale della torba ha portato alla distruzione di una grossa porzione di vegetazione di torbiera ed al conseguente "ripristino" dello specchio d'acqua. Tutto questo ha profondamente alterato i delicati equilibri dell’ecosistema, che solo oggi, grazie alla protezione accordata al luogo, si stanno lentamente ripristinando.

Aspetti naturalistici

Ambiente di torbieraL'aspetto attuale del Lago Pudro è quello di una vasta zona umida nella quale sopravvivono lembi della vegetazione originale che, partendo dall'interno verso le rive, vedeva susseguirsi le seguenti comunità vegetali: l'aggallato ("tappeto" galleggiante), i cariceti (vegetazione erbacea caratterizzata da piante del Genere Carex), il canneto con la cannuccia di palude (Phragmites australis), il cespuglieto e infine il bosco igrofilo di ontano nero (Alnus glutinosa). Queste comunità vegetali, come già detto, sopravvivono per lo più solo in lembi; solo il canneto si presenta fitto e rigoglioso ed anzi la cannuccia d’acqua, grazie alla sua "rusticità", riesce a prevalere sulle rare piante palustri rese delicate dallo stress conseguente alle manomissioni umane. Per questo motivo il canneto ha parzialmente invaso le altre vegetazioni, più complesse e delicate, contribuendo a limitarne l'estensione.

L’elemento vegetale più notevole e prezioso nel Biotopo è l’aggallato, che è un vero e proprio tappeto di piante intrecciate che galleggia sull'acqua isolandone al di sotto una grande "bolla". È infatti ancorato perifericamente all'altra vegetazione radicata e sorregge agevolmente il peso di un uomo. Camminandovi, se ne avverte l'oscillazione come se si fosse su uno di quei palloni d'acqua che si trovano nei Luna Park. L’aggallato del Lago Pudro era il più grande del Trentino, ma lo scavo della torba ne ha ridotto la superficie trasformandolo in una sorta di "zatterone", cosa che ha dato il via all’invasione da parte della cannuccia palustre. Inoltre, l'estrazione della torba ha aperto ampi specchi d'acqua libera nella quale è comparso il lamineto, una vegetazione di piante acquatiche con foglie galleggianti, qui costituita prevalentemente da ninfea (Nymphaea alba).

Tra le numerose interessanti specie botaniche presenti nel Biotopo alcune sono particolarmente degne di nota per via della loro rarità. E’ il caso delle piante insettivore drosera (Drosera intermedia) e utricolaria (Utricularia vulgaris), della Rhynchospora alba e della Carex diandra. In conclusione, benché la ricchezza floristica e vegetazionale del Lago Pudro sia stata in parte compromessa dall'attività estrattiva, questa torbiera - una delle più vaste di bassa quota del Trentino - conserva a tutt'oggi un patrimonio vegetale straordinario.

La ricchezza floristica trova un suo parallelo nella fauna, che nel Biotopo è rappresentata da numerose specie di grande interesse. Nella bella stagione il Lago Pudro si anima del potente gracidio delle rane verdi (Rana sinkl. esculenta) e dei canti e versi di vari uccelli acquatici rari che trovano qui una straordinaria varietà di ambienti, dal bosco igrofilo ormai rarissimo in Trentino, fino all'acqua libera: possono quindi sostare, nutrirsi e riprodursi in tutta tranquillità. Aironi cenerini (Ardea cinerea), martin pescatori (Alcedo atthis), tarabusini (Ixobrychus minutus), oche, anatre, tuffetti (Tachybaptus ruficollis), porciglioni (Rallus aquaticus) e uccelli di canna (Acrocephalus, più specie) non sono che un esempio dell'avifauna del Lago Pudro.

Strutture per la visita

  • sentiero di visita con torretta di osservazione per la fauna

Il sentiero di visita

L’ingresso al sentiero di visita del biotopo è collocato in corrispondenza dell’abitato di Brazzanighe.
Il percorso è "un anello", che si snoda lungo il territorio occupato dai biotopi per ricondurre alla fine della visita all’ingresso principale.
L’intero percorso può essere portato a termine in mezza giornata (meno di quattro ore), con passo tranquillo e tenedo conto di brevi soste per osservare, fotografare scrivere e riposare. 
Il tracciato non comporta alcuna difficoltà tecnica. I tratti in salita sono relativamente dolci. La naturalità di gran parte del terriorio suggerisce abbigliamento discreto e soprattutto calzature adeguate.
Lungo il percorso sono indicati 25 punti di particolare interesse, in corrispondenza dei quali è collocata una tabella con una breve frase illustrativa. 
Temi proposti: L’edicola religiosa; Il Lago Costa; ... e i suoi uccelli; I muretti a secco; Il Lago di Canzolino ...; ... la sua struttura; ... e i suoi pesci; I vigneti; I timidi rettili; Il Lago di Madrano; Il lago "estinto"; Le rocce metamorfiche; La campagna estensiva; Madrano; Il Lago Pudro ...; ... i suoi animali; ... il ripristino naturalistico; ... e la sua vegetazione; Vigalzano; Casalino; La piana di Pergine; Il Fersina e la sua storia con Pergine; L’acqua come via di penetrazione di piante e animali; La fauna del torrente.

Pubblicazioni

  • Progetto per la tutela e la valorizzazione
  • depliant;
  • guida al percorso (10)

Studi

  • monitoraggio ittiofauna NEW!
  • progetto di definizione naturalistica e catastale;
  • monitoraggio periodico avifauna;
  • monitoraggio periodico anfibi;
  • studi della Commissione Scientifica