Le aree protette del Trentino

Rete Natura 2000, parchi & riserve naturali

Riserve Naturali Provinciali

30. Laghetto di Vedes

Cartina

  • Normativa di riferimento: L.P. 14/1986

Il cosiddetto Laghetto di Védes è in realtà una torbiera originatasi dal riempimento di una antica conca lacustre scavata nella roccia porfirica dai ghiacciai quaternari. 

Nel biotopo, oltre alla zona umida vera e propria, ricade anche una parte dei boschi ad essa circostanti, avente funzione di area di protezione. 

Questa zona umida ospita associazioni vegetazionali esclusive della torbiera "alta", una zona umida cioè in cui le particolari condizioni di crescita dei vegetali hanno portato alla formazione di un deposito di torba di forma lenticolare, con l'area centrale rilevata rispetto ai bordi. 

Particolare del biotopoLo straordinario interesse scientifico di questo ambiente è testimoniato dalla presenza di specie botaniche estremamente rare sul versante meridionale delle Alpi. Tra queste ricordiamo alcune delle piante che meglio caratterizzano la torbiera: Lepidotis inundata, Betula pubescens, Drosera rotundifolia, Drosera anglica, Viola palustris, diverse specie del genere Carex, ecc. 

Ben rappresentata anche la flora muscinale (cioè formata dalle specie di muschi) con ben 24 diverse entità di briofite del genere Sphagnum.

Gli specchi d'acqua che punteggiano la torbiera sono popolati da una ricca fauna inverterbata, ma anche Mammiferi, Uccelli, Rettili ed Anfibi sono presenti con numerose specie. 

Tra quelle più tipiche delle zone umide spiccano il tritone alpestre (Triturus alpestris ), il rospo comune (Bufo bufo ), la rana di montagna (Rana temporaria ) e la biscia dal collare (Natrix natrix ). 

Degna di nota, per la quota insolitamente elevata, è anche la ripetuta nidificazione del germano reale (Anas platyrhynchos ) lungo le rive dei bacini.

Studi

  • piano di gestione.