Le aree protette del Trentino

Rete Natura 2000, parchi & riserve naturali

Riserve Naturali Provinciali

51. Paludi di Malga Clevet

Cartina
  • Tipologia: torbiera
  • Comune: Daone
  • Quota media: 1800 m
  • Superficie:  50 ha circa
  • Normativa di riferimento: L.P. 14/1986

II Biotopo "Paludi di Malga Clevèt" è costituito da un complesso di 9 zone umide tra loro collegate, inserite in un rado bosco di Larice al limite della vegetazione arborea. Le zone umide sono distribuite in due vaste depressioni parallele, separate fra loro da un colle boscato, e solcate da corsi d'acqua che vanno ad alimentare il torrente Ribor.

Tra le zone umide sono presenti diverse tipologie ambientali: torbiere e prati umidi di vasta superficie, piccole torbiere di forma circolare, stagni e laghetti impaludati.

Nei prati umidi di ampia superficie, caratterizzati da una rete idrica piuttosto complessa, confluiscono numerosi rivi e rigagnoli che scendono dai versanti; vi si riscontra la predominanza di una vegetazione tipica delle torbiere basse, con le associazioni Caricetum fuscae e Trichoperetum caespitosum , e con localizzazione di piccole aree a sfagni dove abbondante è I'Eriophorum sp. e Carex limosa.Paludi di Malga Clevet

Le piccole torbiere a forma circolare o ellittica sono caratterizzate sempre da una vegetazione a cariceto e tricoforeto, ma con maggior estensione di zone a sfagni, con cumuli anche di discrete dimensioni, colonizzati da Calluna vulgaris e Vaccinium vitis-idaea.

Gli stagni e i laghetti sono caratterizzati da una zona paludosa circostante, costituita da una vegetazione a cariceto e tricoforeto, e dalla fascia più prossima all'acqua che può essere definita come "magnocariceto" e caratterizzata dall'associazione Caricetum rostratae, costituita quasi esclusivamente da Carex rostrata.
Dal punto di vista faunistico il biotopo costituisce importante zona di riproduzione per artropodi, Anfibi e Rettili, e zona di alimentazione e rifugio per la fauna dei boschi circostanti.
Gli specchi d'acqua di ridotte dimensioni sono l'habitat principale di numerosi insetti fra i quali Gerridi, Ditiscidi e Odonati (= Libellule) dai colori smaglianti.
I piccoli specchi d'acqua, inoltre, influiscono sull'approvigionamento idrico, fungendo da "serbatoi naturali" d'acqua.